Mamadou-PercKurs_2016

Mamadou Diabatè (Burkina Faso/Austria) - Percussion Westafrican Music + Rhythm

Insegnante

Nato nel 1973 in un piccolo villaggio del Burkina Faso, Diabaté appartiene a una dinastia di Griots, i narratori tradizionali dell'Africa occidentale. Sin da giovane fu circondato dalla musica, fece musica e ricevette un'educazione musicale tradizionale. All'età di dodici anni vinse il primo premio del Concorso Nazionale Balafon del Burkina Faso. Il Balafon è uno xilofono africano tradizionale con risonatori sospesi fatti di zucca.

All'inizio del secolo si trasferì in Austria, dove vive oggi. Ma torna regolarmente nella sua casa in Africa occidentale. Il Burkina Faso ha sviluppato una cultura poliritmica unica. Questo poliritmo ha influenzato decisamente il jazz. Con il suo gruppo Percussion Mania Mamadou Diabate ha vinto l'Austrian World Music Award (2011) e il Grand Prix del Triangle du Balafon (nel Mali 2012). Come solista è stato anche premiato in Mali con il Prix Alkaly Camara de la virtuosité (2012).
Diabaté ha un numero di registrazioni in cui spesso interpreta la musica in grandi ensemble. Lavora a stretto contatto con il suo famoso connazionale Cheik Tidiane Seck, che ha a sua volta scritto con grandi del jazz quali Hank Jones, Joe Zawinul e la cantante del Mali Salif Keita storia della musica.
Nella sua nuova patria, ma anche in Asia e in America, Diabaté suona musica tradizionale dell'Africa occidentale in concerti, anche se con composizioni completamente nuove. La sua musica e i suoi programmi sono spesso di genere trasversale. Già nel 2016, Diabatè aveva dato una visione molto impressionante della grande cultura della poliritmica dell'Africa occidentale ai laboratori jazz di Merano.
Come assistente porterà con se un altro muscisita della tradizione west africana Hamidou Koita, un grande percussionista e cantante.