TICKETS
Acquisto telefonico biglietti: 0471 / 053 800 (orario 11-14 / 17-19)
10.07.2019, h 21.00

Ivan Lins & Friends featuring Antonio Faraò

https://tickets.fondazioneteatro.bolzano.it/application.aspx?id=3154
____

11.07.2019, h 21.00

Linda Oh Quartet

https://tickets.fondazioneteatro.bolzano.it/application.aspx?id=3155
____

12.07.2019, h 21.00

Bobby Previte's Classic Bump Band
https://tickets.fondazioneteatro.bolzano.it/application.aspx?id=3156

***
10.+11.+12.07.2019

MINI ABO - MeranoJazz

https://tickets.fondazioneteatro.bolzano.it/application.aspx?id=3157

 

CONCERTI

Ivan Lins & Friends

MER 10-07-2019 - 21:00

Ivan Lins ha alle proprie spalle una carriera artistica lunga cinquant’anni, scaturita come per caso da un giovane laureato in ingegneria chimica, nato a Rio de Janeiro ma cresciuto a Boston, che si dilettava a scrivere canzoni accompagnandosi con il pianoforte. Certo, non avrebbe mai immaginato di vederle interpretate da star come Ella Fitzgerald, Sarah Vaughan, Barbra Streisand, Chaka Khan. Non avrebbe immaginato di vincere con la propria musica un Grammy Award, per l’interpretazione di “She Walks This Earth” da parte di Sting, e più volte i Latin Grammy Awards.

Nella propria attività, scaturita dalla sorgente melodica e ritmica brasiliana, Lins ha incrociato spesso la strada di grandi artisti del jazz e della musica nera, da George Benson a Quincy Jones. E anche nell’ambito del jazz italiano ha collaborato con tanti solisti: lo scorso anno era al festival di Ravello con Ferruccio Spinetti e Giovanni Ceccarelli. In questa occasione è attorniato da musicisti che apprezziamo tra i più significativi della nostra scena, come il pianista Antonio Faraò, il batterista Mike Baker e il contrabbassista Nema Antunes.                              

Linda Oh Quartet

GIO 11-07-2019 - 21:00

Abbiamo apprezzato la contrabbassista Linda May Han Oh a Merano Jazz lo scorso anno, nell’esibizione del quartetto di Pat Metheny, dove ha dimostrato di aderire alla musica di un leader esigente e nel contempo di saper ritagliare momenti in cui emergeva il suo temperamento solistico, di grande pregnanza. Nata in Malesia e cresciuta in Australia, la musicista ha completato poi i suoi studi negli Stati Uniti, alla Manhattan School of Music, e si è messa in luce attraverso una serie di collaborazioni che la hanno vista tra l’altro al fianco di Joe Lovano, Dave Douglas, Vijay Iyer e Geri Allen. Come leader ha registrato quattro dischi, due dei quali pubblicati dall’etichetta di Douglas, la Greenleaf Records. Nel corso degli anni si è andato consolidando il rapporto con i musicisti dell’attuale quartetto: dapprima il batterista Rudy Royston, con lei fin dalla registrazione di “Initial Here”, del 2012, poi il chitarrista Matthew Stevens, presente nell’album “Walk Against Wind”, del 2017. Recente è la collaborazione con il sassofonista Greg Ward, attivo prima sulla scena di Chicago e poi a New York, il cui nome compare al fianco di un gruppo di culto come Tortoise e di musicisti significativi della scena contemporanea, come i batteristi Makaya McCraven e Mike Reed, e la flautista Nicole Mitchell.   

Bobby Previte’s Classic Bump Band

“Twenty Years Reunion Band”

VEN 12-07-2019 - 21:00

Nella sua attività più che trentennale, Bobby Previte ha percorso la musica di oggi con sguardo attento a un ampio spettro di orientamenti e stimoli, mettendo in evidenza un approccio in cui la batteria amplia e arricchisce la propria funzione. Uno strumento che entra a pieno titolo nella sfera dell’arrangiamento, si pone in relazione con i brani musicali, propone direzioni e sviluppi. La sua matrice che guarda a Max Roach, messa in luce fin dal 1985 nella registrazione “The Sonny Clark Memorial”, di John Zorn con Wayne Horvitz al pianoforte, rappresenta un punto di partenza evidente.

Previte ha guidato molti ensemble di orientamento diverso, facendosi stimolare anche dall’arte figurativa, come nel lavoro del 2001 dedicato a Joan Miró, e interagendo con tanti protagonisti della scena contemporanea. Ma senza dubbio uno dei suoi gruppi più significativi, un esempio di interazione tra parti composte e aperte all’improvvisazione, è stato quello con la band denominata “Bump”, dove riuniva personalità di spicco, come Horvitz, Ray Anderson, Marty Ehrlich e Jerome Harris. La ripresa di quell’esperienza, dopo vent’anni, promette di dare frutti nuovi e inattesi su una traccia che già in origine era fertilissima e ricca di stimoli.

 Testi: Giuseppe Segala

STORIA

Il Festival MeranoJazz è nato nel 1996 su iniziativa dell’Ufficio cultura del Comune di Merano, seguendo la scia della precedente rassegna “Jazz’n”, curata per alcuni anni dal Theater in der Altstadt.

MeranoJazz è ormai un importante tassello nel mosaico di eventi musicali che rappresentano un vanto per la nostra città e la nostra provincia, annoverando in cartellone artisti e formazioni di fama mondiale nell’ambito della musica afroamericana e dell’improvvisazione. Sin dagli inizi la rassegna ha proposto più di una sessantina di concerti sempre di alto livello artistico, ed è proprio questo che distingue MeranoJazz da altri festival. Fanno inoltre da contorno al programma del festival i concerti finali dell’Accademia mitteleuropea di jazz, spesso teatro di memorabili jam session in cui giovani talenti suonano fianco a fianco con i loro maestri.

La storia del Jazz passa per Merano

Gli artisti ed ensemble che si sono esibiti negli anni al festival MeranoJazz sono tra i più famosi nel panorama jazz internazionale. I loro nomi si possono trovare tra le pagine di ogni enciclopedia del jazz. Le loro presenze a MeranoJazz tracciano una linea che percorre la storia del jazz a partire dagli anni ’60 fino ad oggi. Segue sotto una lista incompleta:

Billy Cobham

Wolfgang Muthspiel

Lydian Sound Orchestra

Dave Holland

Oregon

Ron Carter

Roswell Rudd

Uri Caine

Jan Garbarek Group

Jack DeJohnette

Joe Lovano

Ray Anderson

Al Di Meola

John Scofield

Dave Liebman

Victor Wooten

Miroslav Vitous

Larry Goldings

Steve Swallow

Mike Stern

Mulgrew Miller

Mike Mainieri & Steps Ahead

Adam Nussbaum

Carla Bley

Richard Galliano

Geri Allen

Larry Coryell

Bob Franceschini

Franco D'Andrea

Enrico Rava

Eddie Palmieri

Derico Watson

Marc Ribot

Randy Weston

The New York Voices

Peter Erskine

Dee Dee Bridgewater

Roy Hargrove

Dave Douglas

David Krakauer

Norma Winstone

Ravi Coltrane

Tom Harrell

Scott Colley

Dean Brown

Daryl Jones

Denis Chambers

Javier Girotto

Matthias Schriefl

Dado Moroni

Eddie Gomez

Joe La Barbera

Christian McBride

Omer Avital

Don Byron